Tv: domenica 24 maggio "Apocalypse Now Redux" su Iris


È uno dei capolavori della cinematografia mondiale, una delle pellicole simbolo della guerra in Vietnam, uno dei film più popolari e apprezzati di sempre: è Apocalypse Now nella sua versione allungata e restaurata, passata alla storia del grande schermo con il titolo Apocalypse Now Redux e in onda domenica 24 maggio in prima serata su Iris (canale 22).

Vi starete chiedendo: ma l'adattamento del 2001 - questo di cui vi stiamo parlando - cos'ha di diverso rispetto al kolossal del 1979 firmato da Francis Ford Coppola che vinse la Palma d'oro al Festival di Cannes e ben due premi Oscar (miglior fotografia e miglior sonoro)? Prima di tutto un montaggio nuovo di zecca che non ne stravolge però il significato (anzi!). E, poi, alcune scene inedite ripescate proprio da Coppola (ancora una volta dietro la macchina da presa) in 47 minuti di girato che aveva scartato alla fine degli anni Settanta. Tipo quella del furto della tavola da surf o quella dell'incontro dei militari con le conigliette di Playboy, solo per dirne alcune. 
Al centro della sceneggiatura (scritta traendo ispirazione dal romanzo Cuore di tenebra di Joseph Conrad) c'è - sempre - la guerra, declinata non solo in termini bellici ma pure psicologici, fisici, umani. Nella "riedizione" alcuni aspetti del conflitto armato e interiore si possono cogliere ancora di più e meglio. Il cast - in cui spiccano, tra gli altri, interpreti del calibro di Marlon Brando (nei panni del colonnello Walter E. Kurtz), Martin Sheen (alias Capitano Benjamin L. Willard) e Robert Duvall (il gelido tenente colonnello Bill Kilgore) - è praticamente identico. Così come, a distanza di vent'anni, è rimasto intatto l'affetto del pubblico nei confronti di questo film che ha smosso e formato tante coscienze. Fosse solo per questo, sarebbe una buona occasione per rivederlo.
Di Apocalypse Now esiste anche una terza versione Apocalypse Now - Final Cut prodotta per celebrare il 40esimo anniversario dell'arrivo nelle sale di questo capolavoro.

Commenti