“L’amore è fondamentale ed è l’elemento della mia vita”: intervista alla cantante Kelly Joyce

Daniele Martini | 16:02 | 0 commenti | Raccolto in Etichette: , , , , , , ,
L'amore per la Puglia, la musica e la vita: sono queste le cose fondamentali per la famosa cantante internazionale Kelly Joyce, venuta ad Ostuni (BR) in visita presso l'atelier di abiti da sposa "Errico Maria" per scegliere l'abito per il suo giorno più bello. Abbiamo così avuto modo di intervistarla:

D. Cosa ne pensi della Puglia?

R. Sono sempre stata legata alla Puglia, intanto per un amore assoluto che provo nei confronti dell'enogastronomia: la Puglia, come regione, è proprio meravigliosa. Ha tante di quelle specialità ed io vengo sempre con grande piacere. Poi, ovviamente, per il mare e per i meravigliosi monumenti che avete.

D. Sei venuta nell'atelier Errico Maria ad Ostuni. Cosa ti ha colpito degli abiti della collezione 2015 e che ne pensi di questo atelier?

R. Assolutamente si, ci sono delle collezioni meravigliose e me ne sono, prima di tutto, innamorata su internet guardando degli abiti. Quando poi ho avuto l'onore di conoscere anche tutto il lavoro che c'è dietro a ogni collezione, ho capito che ogni capo aveva un'anima. Questa cosa qui ha fatto si che io mi innamorassi totalmente di "Errico Maria" come brand.

D. Quanto contano per te la moda e l'essere elegante?

R. Mi piace essere elegante anche nella vita privata, non solo nel contesto lavorativo. Chiaramente, durante i concerti, poter lavorare e giocare un po’ con l'alta moda è un'opportunità magnifica. Nella vita comune preferisco la comodità senza perdere quel tocco in più.

D. Hai origini nobili. Quanto hanno influito nella tua vita?

R. Hanno influito, in percentuale, abbastanza poco. Durante la mia educazione, sicuramente mi sono stati trasmessi alcuni valori legati a questo, tipo il galateo e come comportarsi in ogni situazione. Mi hanno insegnato ad essere fiera della famiglia da cui provengo però, al di là di questo, il primo valore assoluto, quello che i miei genitori hanno tentato di farmi capire, è che la nobiltà non è tanto un titolo ma, la nobiltà d'animo è quello che tu scegli di fare quotidianamente.

D. Come nasce la tua passione per la musica?

R. Provengo da una famiglia di artisti. Mio padre è arrangiatore, mia madre è l'ex cantante delle Chocolate. Ha fatto dei brani molto famosi negli anni Settanta, quindi ho sempre respirato l'aria dell'arte. Li accompagnavo durante i concerti quando ero più piccolina. Le nostre domeniche, le riunioni in famiglia erano un po’, dopo pranzo, il riunirsi davanti a un pianoforte e suonare la musica gospel. Quindi è stata una scelta che mi apparteneva. Ovviamente, fino ai 12-13 anni pensavo di fare tutt'altro: volevo fare l'egittologa. Poi ho capito che tutti i miei giochi, non a caso, erano riferiti all'arte, o al teatro, alla danza. I miei genitori mi hanno iscritta, da bambina, a violino e danza classica: avevo così modo di coltivare quella che poi è diventata la mia scelta di vita. 

D. Tra i tuoi brani più famosi vi è "Vivre la vie". Che importanza ha per te l'amore?

R. L'amore è fondamentale ed è l'elemento della mia vita, sia nei riguardi della musica, sia per le persone che ho al mio fianco che mi danno la giusta spinta per continuare a fare delle scelte magari anche difficili in ambito lavorativo. "Vivre la vie" è stato il brano che ha aperto un po’ la mia carriera. Poi ho scritto uno spot per una compagnia telefonica, "Rendez vous", ispirato agli anni Trenta. Il video è un tributo a Josephine Baker. Ho fatto inoltre delle collaborazioni con Dj Fisher, con i Sottotono in italiano ed adesso sto scrivendo delle cose nuove.

D. Hai partecipato alla trasmissione televisiva "Chiambretti Supermarket". Cosa ne pensi della televisione italiana e quali sono i tuoi progetti per il futuro?

R. L'esperienza con Chiambretti è stata molto bella. C'è sempre da imparare: non sai come inizi e non sai come finisci perché è un pozzo senza fondo di idee. E' una persona estremamente geniale, quindi, c'è molto da cui assorbire anche come metodo lavorativo. La televisione italiana credo che abbia un grande potenziale: sicuramente ci sono delle cose che mi piacciono di più, altre meno, però, l'occasione di farne parte mi ha fatto assolutamente piacere.

D. Che consiglio dai a un giovane che vorrebbe affacciarsi nel mondo dello spettacolo e della musica?

R. Credo sia necessario, intanto, studiare, non contare soltanto sui propri talenti, ma acquisire anche delle tecniche per portare all'ennesima potenza quello che è un talento. Consiglio anche di non cedere a quelli che sono i compromessi, perché si può tranquillamente arrivare, magari più lentamente, ma si può arrivare a realizzare i propri sogni.   

D. Fai un saluto ai tuoi fans pugliesi

R. Un bacione a tutti i pugliesi che adoro. Siete la mia seconda casa. Un saluto da Kelly Joyce.

0 commenti



Post a Comment :


In evidenza

Ultimi Commenti

Visita i nostri siti

Giornale di Puglia Giornale di Basilicata Medicina Interna Online Sport Notizie Donna Notizie Musica Notizie Asia Notizie Italia Love Tv Giornale di Puglia Tv La Voce Grossa Italia Notizie Image Map