Rihanna truffata

LOS ANGELES. Quando si è affidata alla squadra di commercialisti aveva solo 16 anni, così - un po' per l'età, un po' per le incompetenze finanziarie - Rihanna dice di essere stata truffata. La popstar ha fatto causa alla "Berdon LLC" di New York, lamentando una perdita di decine di milioni di dollari, e accusando i contabili di essersi arricchiti a sue spese.

Secondo gli avvocati della cantante delle Barbados, infatti, le perdite più consistenti della popstar sarebbero avvenute tra il 2005 e il 2009, anche se i legali puntano il dito contro quello che definiscono un accordo "esorbitante ed eccessivo".

Quello cioè che dava alla Berdon LLC il 22 per cento dei proventi del tour di Rihanna del 2009, "Last Call on Earth", in cambio della gestione finanziaria, lasciando alla cantante solo il 6 per cento del ricavato dalla vendita dei biglietti.

Non solo. Rihanna nel frattempo è diventata una popstar internazionale e secondo gli avvocati i suoi commercialisti non l'avrebbero consigliata bene, causandole perdite economiche per decine di milioni di dollari. L'istanza è stata presentata il 3 luglio. La battaglia in tribunale è solo all'inizio.

Commenti